Si trova proprio a Napoli il tempio buddista più grande d'Europa. Il luogo dedicato al millenario culto di Budda è stato inaugurato a Napoli lo scorso 22 novembre e si trova  in via Giuseppe Tomasi di Lampedusa, 91,a pochi passi dalla stazione della metropolitana Frullone, nel quartiere Marianella. Prima dell'inaugurazione dell'imponente tempio coloro che praticano la religione buddista a Napoli si riunivano un piccolo locale di via Santa Teresa degli Scalzi, nel centro storico, adibito a luogo di culto e poi in un appartamento di Marianella. La nuova chiesa non accoglie solo le comunità srilankesi buddiste a Napoli ma anche numerosi napoletani. Non sono pochi, infatti, i partenopei convertiti alle pratiche spirituali che hanno le loro origini in India.

La reliquia sacra di Buddha.

Il tempio napoletano non primeggia solo per dimensioni in Europa ma anche per completezza. Il  capannone adibito al culto, ospita infatti ilil vihara, la sala dove si celebra il culto, l’albero della Bodhi, l’altare con la statua, la “stupa” il monumento buddhista la cui funzione principale è quella di conservare reliquie, dove è custodita una piccola reliquia legata alla figura di Buddha datata a quasi 3000 anni fa. La spoglia sacra viene conservata in una costruzione a forma di campanello gigante, realizzata in  in ottone dorato. Lo scrigno è arrivato direttamente dallo Sri Lanka. Ogni quattro anni il suo contenuto sarà mostrato al pubblico.

La biblioteca.

Il luogo di culto contiene anche un a biblioteca aperta tutti i giorni dalle 8 alle 20, alla quale si accede attraversando il Cancello dorato. I fedeli o coloro che sono interessati alle pratiche spirituali indiane possono consultarvi testi in inglese, italiano e cingalese. Ogni martedì dalle 20 alle 21 si svolge la grande meditazione in italiano. La partecipazione è aperta a tutti.