Si propone di dare assistenza ai bambini, in adozione o in affido, gravemente malati perché affetti da disabilità o da forme terminali di cancro, "La casa di Matteo", struttura nata da un'idea dell'associazione "A ruota libera", e presentata questa mattina. La struttura, che si pone l'obiettivo di accompagnare i piccoli pazienti nei loro ultimi giorni di vita, sia fornendo assistenza medica che donando loro calore umano, nasce nel cuore del Vomero, quartiere collinare di Napoli. Sarà il Tribunale dei Minori partenopeo a segnalare i bambini destinati alla casa di cura.

"La Casa di Matteo è stata concepita e realizzata come una vera e propria casa di famiglia colorata e piena di vita. È una struttura innovativa dove amore e professionalità si fonderanno insieme per aiutare i piccoli ospiti accompagnandoli con gioia nel percorso della loro vita" ha affermato Luca Trapanese, presidente dell'associazione "A ruota libera". "La Casa di Matteo" è la prima struttura di questo tipo nel Mezzogiorno e la seconda in Italia, dopo quella di Como. Al taglio del nastro ha partecipato anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.