Aveva esploso quattro colpi di pistola contro un'altra automobile per motivi di viabilità: l'episodio risale allo scorso 25 giugno, ma solo oggi è arrivata la convalida dell'arresto per l'indagato. Si tratta di Giuseppe Musto, ventottenne di Villa Literno. L'episodio era accaduto nel medesimo comune del casertano, quando il Musto, a bordo di una smart, aveva esploso quattro colpi di pistola all'indirizzo di una Fiat Panda guidata da un trentaduenne manovale di Casapesenna, dopo una lite per motivi di viabilità, danneggiandone la fiancata sinistra.

Lo scorso 1° luglio era stata ritrovata una pistola Beretta calibro 7,65, con matricola parzialmente illeggibile, completa di caricatore con sei munizioni e altri cinque colpi in un'abitazione a Pinetamare, nel Parco delle Rondini, utilizzata come nascondiglio dal Musto. L'otto luglio l'uomo è stato infine rintracciato ed arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio e porto abusivo di arma clandestina: e quest'oggi il via libera dal gip che ne ha confermato l'arresto.