Ancora fiamme sul Monte Faito, tra Castellammare di Stabia e Vico Equense, provincia di Napoli. Il sindaco del comune di Vico Equense, Andrea Buonocore, è stato costretto a far evacuare alcuni hotel e ville nei pressi del monte che ormai brucia da ininterrottamente da due giorni.

L'origine dei roghi sembra dolosa. "Ieri notte, quando sembrava che l'emergenza fosse finita, l'incendio ha ripreso vigore nella zona bassa della montagna, in località Pozzano, dove una famiglia è stata costretta ad abbandonare la propria abitazione e dove c'è un insediamento di case popolari. Circa 150 persone hanno trascorso la notte in strada per il timore degli incendi e perché l'aria in casa era irrespirabile", ha dichiarato il vicesindaco di Castellammare di Stabia, Andrea Di Martino. Sul posto stanno lavorando diverse squadre di vigili del fuoco, uomini dell'Associazione volontari del Faito, i volontari della protezione civile regionale e gli agenti della polizia locale. Impegnati anche due elicotteri.

Stando a quanto riporta il Mattino la frazione di Faito risulta al momento isolata perché è stata chiusa via Nuova Faito, l'unica via d'accesso al paesino. "Non possiamo riaprire la strada poiché c'è pericolo di caduta massi, ma stiamo cercando di aiutare residenti e turisti negli spostamenti da e verso il centro di Faito, affinchè non si sentano intrappolati", ha spiegato sempre al Mattino Ferdinando De Martino, comandante dei vigili urbani.

Incendio sul monte Faito, cinquanta persone evacuate: un ferito.

Circa cinquanta persone hanno abbandonato già il paese, mentre altri residenti hanno deciso restare, per ora, nelle loro case. Un uomo che cercava di spegnere il fuoco arrivato ormai nelle vicinanze della sua villa è rimasto ustionato ed è stato accompagnato all'ospedale "De Luca e Rossano" di Vico Equense.