Una tragedia ha colpito, questa mattina, Aversa, in provincia di Caserta, dove si è verificata l'ennesima morte sul lavoro. Come racconta Il Mattino, due operai erano al lavoro su un ponteggio in un cantiere di via Giotto quando questo ha ceduto sotto il loro peso, facendoli precipitare nel vuoto. Immediati i soccorsi del 118 ma, per uno di loro, purtroppo, non c'è stato nulla da fare: i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Il corpo della vittima è ancora sul posto in attesa dell'arrivo del magistrato di turno. L'altro operaio precipitato, invece, è stato trasportato all'ospedale Moscati di Aversa, dove è ricoverato in gravissime condizioni.

Nel frattempo, si apprende che l'operaio, 52 anni, che è purtroppo deceduto nella caduta lavorava probabilmente in nero. Ad annunciarlo è il segretario generale di Fillea-Cgil Campania Giovanni Sannino: "Dai nostri primi accertamenti fatti presso le Casse Edili di Caserta e Napoli non risulta denunciata l'apertura del cantiere da parte dell'impresa e non risulta per nessuna posizione aperta per l'operaio. Se questo dovesse essere confermato, significherebbe che il 52enne lavorava in nero in quel cantiere".