Le conversazioni tra amici o sconosciuti per ingannare l'attesa durante il tragitto sono sempre eterogenee e toccano gli argomenti più disparati. L'episodio accaduto questa mattina su un treno della Circumvesuviana partito da Baiano e diretto a Napoli ha però dell'inverosimile, rasentando quasi una dinamica da candid camera. Come racconta Il Fatto Vesuviano, a bordo del convoglio, giunto quasi alla stazione di Nola, due conoscenti stavano parlando dell'esistenza di Dio secondo i quali non sarebbe altro che una mera invenzione.

Il discorso è stato seguito da un altro passeggero, molto credente, che si è permesso di intervenire, provando a spiegare, secondo le sue ragioni, quanto le affermazioni dei due fossero sbagliate. Ne è nato così un violento alterco verbale che non ci ha messo molto a degenerare. I due "miscredenti" hanno così preso a malmenare il passeggero devoto, preso a pugni dai due amici. È stato solo l'intervento di altri passeggeri, che hanno assistito a tutta la scena, a sedare la rissa e a calmare gli animi. L'uomo che ha avuto la peggio ha comunque denunciato gli altri due per lesioni personali.