Domenico Diele resterà in galera. Nonostante questa mattina, nel carcere di Fuorni (Salerno), nell'udienza di convalida dell'arresto per omicidio stradale, il giudice avesse disposto per l'attore – noto per Acab e 1992 – la detenzione agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, Diele rimarrà in cella, almeno per ora. Come riportato da Repubblica, infatti, la casa circondariale del Salernitano ha terminato i dispositivi elettronici, per cui l'attore senese, che da anni vive a Roma, non potrà usufruire della decisione del gip disposta questa mattina.

Domenico Diele, 32 anni, star emergente del cinema e della fiction, è detenuto a Fuorni per l'omicidio di Ilaria Dilillo, 48 anni. La sera tra il 23 e il 24 giugno scorso, a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno, l'attore, che guidava con patente sospesa e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti – oppiacei e cannabinoidi – aveva preso in pieno lo scooter della 48enne, deceduta poco dopo l'impatto. Proprio questa mattina, in un colloquio con il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, l'attore aveva ammesso la sua dipendenza dall'eroina, asserendo però che quest'ultima non abbia influito sull'incidente, capitato perché si era distratto guardando il cellulare.