in foto: Piazza Dante, luogo della presentazione dell'evento

Si stavano baciando, scambiandosi effusioni pubbliche come gran parte degli innamorati, quando sono state avvicinate da un militare, impegnato nell'operazione "Strade Sicure" che gli ha chiesto di andare via. È quanto accaduto ieri, nella giornata di Pasquetta, a due ragazze lesbiche a piazza Dante. A raccontare l'accaduto è Arcigay Napoli, grazie alla segnalazione proprio di una delle dirette interessate. Il militare si è avvicinato alla coppia e ha chiesto alle due di lasciare la piazza. Sarebbe nata così una discussione sulle motivazioni del gesto del militare, prima che poi le ragazze abbandonassero la piazza per evitare problemi.

Nel sottolineare la preziosa collaborazione con le Forze dell’Ordine che spesso difendono le persone lesbiche, gay e trans e prevengono atti di bullismo e omofotransobia non possiamo però esimerci dal condannare il comportamento di questo militare, che siamo sicuri abbia agito a titolo individuale. I militari di servizio a piazza Dante, come in altre zone della città, dovrebbero collaborare con la cittadinanza affinché ci sia una reale percezione di sicurezza per tutti i cittadini e tutte le cittadine, e non certo travalicare i propri compiti assumendo le funzioni da ‘buoncostume’. In una città che ha sete di turismo e modernità questi comportamenti vanno isolati e condannati. Ringraziamo le due ragazze per il coraggio e prendiamo in considerzione l‘ipotesi di un flash mob a piazza Dante nelle prossime ore" ha dichiarato Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli.