È accaduto dopo i terremoti che hanno falcidiato L'Aquila, l'Emilia-Romagna e poi Amatrice e, adesso, il pericolo è concreto anche in seguito alla tragedia che da 4 giorni ormai sta colpendo il Vesuvio, con gli incendi che stanno devastando il grande vulcano che veglia su Napoli. Si tratta dell'orrenda piaga dei cosiddetti sciacalli, che cercano di trarre un tornaconto dalle catastrofi che colpiscono la povera gente. Come riporta Il Mattino, i militari dell'Esercito inviati dal Governo per presidiare il Parco Nazionale del Vesuvio hanno fermato e denunciato tre persone.

Stando a quanto si apprende a Terzigno, una delle tantissime cittadine vesuviane colpite dalla tragedia, i militari hanno individuato tre persone che, con attrezzi da scasso, si aggiravano per il paese in cerca di una casa da svaligiare, scegliendo tra le tantissime abitazioni evacuate a causa delle fiamme e del fumo. I tre sono stati fermati con l'ausilio del Nucleo Radiomobile dei carabinieri di Torre Annunziata. I tre sciacalli, che avevano l'intenzione di svaligiare una delle case lasciate incustodite, sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria.