L'attore Domenico Diele – diventato noto sul set di Acab, Don Matteo e 1992 – è stato posto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. La decisione è stata presa al termine dell'udienza di convalida dell'arresto per l'accusa di omicidio stradale aggravato. A bordo della sua Audi 3 ha travolto e ucciso nella notte tra venerdì 23 e sabato 24 giugno Ilaria Dilillo di 48 anni, che viaggiava su uno scooter. A rendere noto le disposizioni del gip il legale del foro di Roma Viviana Straccia. Diele dal carcere di Salerno andrà nella sua abitazione romana in attesa di giudizio.

Diele ha fatto trapelare oggi al sua versione dei fatti, tramite il consigliere della Regione Campania Francesco Emilio Borrelli, ammettendo le sue responsabilità, ma negando di essere sotto l'effetto di sostanze stupefacenti al momento dell'incidente. L'attore ha spiegato anche di essere dipendente dall'eroina: "Sono colpevole  – urlerò la mia colpevolezza con tutte le forze. Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare. Devo pagare quello che decideranno i giudici e se servisse a qualcosa pagherei di tasca mia anche qualunque cosa alla famiglia. Però non sono un criminale. In televisione si parla di me come un assassino drogato: non è così".