in foto: L'Ospedale Santobono di Napoli

La Terra dei Fuochi miete un'altra vittima, ancora una volta giovane, fin troppo. Tonia, una bambina di Melito di appena 4 anni, è morta ieri all'ospedale pediatrico Santobono di Napoli, dove era stata ricoverata qualche giorno fa a causa di un ictus. La piccola lottava ormai da 4 anni contro la leucemia, malattia che è impossibile non ricondurre alla Terra dei Fuochi, avvelenata dei rifiuti tossici, in cui l'incidenza di tumori è la più alta di tutto il territorio regionale, come rivela, inconfutabilmente, un recente studio condotto dall'Istituto Superiore della Sanità. Tonia era già stata sottoposta ad un trapianto di midollo osseo presso l'ospedale Pausilipon che però non è riuscito ad evitare l'ictus e il conseguente decesso.

A dare l'annuncio della morte della bambina, con un post commovente su Facebook, è stato il gruppo "Angeli guerrieri della Terra dei Fuochi": "Dolce Angelo sei ritornata lassù, in un mondo dove sofferenza e malattia non esistono e da lassù veglierai per sempre sul tuo papà e la tua mamma e sopratutto sulle tue sorelline. Vola angioletto bello, lontana da tutte le brutture di questo mondo che non ti ha riservato altro che cose cattive. Ciao dolce Angelo".