Un uomo di 39 anni, residente a Villaricca, è stato identificato e denunciato ieri pomeriggio a Napoli dalla polizia per i reati di incendio doloso e interruzione di pubblico servizio. Il 39enne è stato notato da una guardia giurata mentre appiccava il fuoco sotto i piloni della stazione della metropolitana Piscinola-Scampia. Dopo la segnalazione del vigilante sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato Scampia, che hanno bloccato il 39enne.

L'uomo ha prima confessato e poi ritrattato.

L'uomo avrebbe prima ammesso le proprie colpe, consegnando anche ai poliziotti l'accendino utilizzato per accendere le fiamme all'interno dell'area recintata sotto i piloni della metro. Poi però ha ritrattato, negando ogni responsabilità nell'accaduto. Il 39enne sarebbe però stato inchiodato sia dalle testimonianze di alcuni presenti, inclusa la guardia giurata, sia dalle immagini delle telecamere di video sorveglianza, motivo per cui la polizia ha proceduto alla sua denuncia all'autorità giudiziaria.

Denunciato a piede libero il presunto piromane.

L'uomo è stato denunciato a piede libero sia per incendio doloso sia per interruzione di servizio. L'incendio da lui provocato, infatti, ha comportato la momentanea interruzione della circolazione dei treni della metropolitana, ripresa soltanto una volta che le fiamme sono state completamente spente. Il 39enne, se saranno confermate le proprie responsabilità nell'accaduto, dovrà ora spiegare i motivi del suo gesto, particolarmente grave in una città e in una regione martoriate negli ultimi giorni da numerosi incendi, dovuti sia al caldo e alla siccità ma soprattutto alla mano di gente senza scrupoli: è di venerdì, ad esempio, la notizia dell'arresto del criminale che sarebbe il presunto responsabile di uno dei gravissimi incendi che hanno devastato il Vesuvio.