Ci sarebbero gravi episodi di bullismo, e forse di omofobia, dietro alla scomparsa di Luigi Celentano, 18 anni, che da circa tre settimane è fuggito dal suo appartamento a Meta di Sorrento. La storia è stata raccontata dalla mamma del ragazzo alle telecamere di Chi l'ha Visto?. "E' un ragazzo molto sensibile e sicuramente è stato ferito nell'anima fino ad arrivare al punto di dire ‘mamma io voglio cancellare ma mia identità, voglio cambiare sembianze, voglio cambiare il mio volto'". Da circa tre anni, racconta la madre, viene preso in giro da altri ragazzi, che lo insultano e lo deridono appena lo vedono camminare in strada. "Mamma perché mi hanno puntato? Non sono uguale a loro? Forse dovrei cambiare il mio look". Luigi si sente percepito dai coetanei come strano, diverso. Forse per il suo abbigliamento e per le sue condizioni economiche. Racconta ancora la mamma: "Una volta Luigi è stato aggredito e gli hanno lanciato addosso delle monetine. Gli hanno urlato: ‘Comprati la dignità e portaci il resto'".

Il ragazzo si fa coraggio e denuncia tutto ai carabinieri, ma non serve a niente. Anzi un gruppetto di coetanei, sempre secondo la madre, lo minaccia addirittura di morte. Ha la passione della moda e vuole lavorare come modello. Qualcuno, secondo un ragazzo del paese, lo prende in giro: "Sei un femminiello, che vai a fare le sfilate di moda, ricchione". Dalla notte tra sabato 11 e domenica 12 febbraio di Luigi non si hanno più notizie. Il cellulare è sempre spento, ma due giorni dopo la scomparsa invia un messaggio alla madre: solo due cuori spezzati