Il 15 aprile, come è ormai noto, ricorre il 50esimo anniversario della morte di Antonio de Curtis, in arte Totò, l'indimenticato principe della risata. Sono tante le manifestazione nate per celebrare tale ricorrenza, come la moneta del valore simbolico di 5 euro coniata dalla Zecca dello Stato per omaggiare il grande attore napoletano. L'università Federico II di Napoli, invece, ha deciso di assegnare a Totò una laurea ad honorem in Discipline della Musica e dello Spettacolo, corso inaugurato proprio durante il vigente anno accademico.

Il procedimento, però, non è così semplice. Il Miur, il Ministero dell'Istruzione, ha infatti vietato il conferimento di tali riconoscimenti a personaggi famosi ma deceduti. È stata l'intercessione di un altro personaggio di spicco come Renzo Arbore, laureato illustre dell'ateneo – si laureò in Giurisprudenza proprio a Napoli – a convincere i vertici dell'università, che hanno optato però non per una vera e propria laurea ma per un riconoscimento. La cerimonia di assegnazione si terrà il 5 aprile nell'aula magna nella sede centrale della Federico II, in corso Umberto I.