Da giorni, A.A., 55 anni e V.B. 17 anni, entrambi incensurati, perlustravano i comuni della Penisola Sorrentina con la speranza di reperire informazioni sugli abitanti del posto, soprattutto persone anziane, per poi procedere a truffarli. Nella loro rete era caduta una donna di 85 anni che, credendo di avere avuto contatti con la nipote, aveva sborsato nelle mani dei due uomini, fintisi dei corrieri, la somma di 3.500 euro.

I due però, a loro volta, sono caduti nella trappola tesagli dai carabinieri. I militari dell'Arma, fingendosi netturbini, hanno pedinato i due truffatori da Vico Equense, dove hanno truffato l'anziana, a Positano. Quando il 55enne e il 17enne, a bordo di un'auto, si sono fermati sulla strada statale 163, indicata anche come Amalfitana, per contare il malloppo appena estorto alla loro ignara vittima, i carabinieri sono intervenuti. I due sono stati arrestati con l'accusa di truffa e l'intera somma è stata restituita alla 85enne. Le indagini dei militari proseguono per stabilire se i due abbiano perpetrato altre truffe.