Ha subito abusi sessuali da quanto aveva solo sei anni, fino all'adolescenza. Violenze che l'avrebbero spinta ad atti di autolesionismo gravi, e che ha trovato il coraggio di confessare alla madre solo dopo una visita ginecologica. La ragazzina ha accusato un collega della madre – un agente pubblicitario di 54 anni – di essere l'uomo che l'ha violentata per anni, trovando il coraggio di sporgere denuncia.

L'uomo avrebbe abusato di lei per dieci anni, approfittando dell'intimità con la sua famiglia, a cui lo legava uno stretto legame di amicizia. Così si proponeva spesso di portarla a spasso. Uscite che sembravano innocenti, ma che sarebbero servite a coprire gli abusi.

Proprio ieri – secondo quanto riportato dal quotidiano il Mattino – il gup del tribunale di Salerno emiliana Ascoli ha deciso per il rinvio a giudizio per il reato di violenza sessuale aggravata dalla minore età della vittima. Il legale dell'uomo ha già annunciato di voler chiedere il rito abbreviato.