Faida di Scampia: trovato il corpo sotterrato di una vittima di lupara bianca
Sei un pizzaiuolo napoletano e vuoi lavorare a Londra? Ci sono 20 posti liberi
Vergogna Arzano, cinque palestre tutte chiuse: niente basket né pallavolo
Napoli assediata dalla camorra. E Luigi De Magistris fa il sindaco del cavalluccio rosso
Terremoto a Pozzuoli, ancora una scossa nella notte avvertita dai cittadini
Ospedale del Mare, reparto chiuso per il party: confermato licenziamento del primario
Si fingono minorenni per entrare gratis allo stadio: indagati 29 ultras del Napoli
Napoli, spari di camorra a Forcella, ferito 13enne. Anche stavolta è una 'stesa'
Terremoto Napoli, geologo avverte: "Nessun pericolo eruzione, ma rischio decine di scosse al giorno"
Miracolo di San Gennaro 2018, uomo si avventa contro il sindaco de Magistris
Miracolo di San Gennaro 2018, lieve malore per il cardinale Sepe
Terremoto Napoli, altre scosse nella notte nell'area Flegrea
Non paga il biglietto della Circum per 6 anni e lo scrive su Facebook: denunciato dall'Eav
San Gennaro, 5 cose che non sai del patrono di Napoli
Terremoto a Napoli, scossa avvertita nella zona Flegrea
"Sono giapponese!": ecco come è nato il video diventato virale sul web
Festa di San Gennaro 2018, il dispositivo del traffico e gli eventi a Napoli
Nel 2008 la strage dei migranti a Castel Volturno. Ecco cosa è successo 10 anni dopo
Contro gli ambulanti, a favore dei manganelli: Vincenzo De Luca è sempre stato così
"Manganelli strumento di solidarietà": così sosteneva (da sindaco di Salerno) Vincenzo De Luca nel 2010. Nel corso degli ultimi decenni l'esponente politico, oggi in rotta di collisione con mezzo Pd sul tema sicurezza e immigrati, ha sempre spinto per securitarismo e tolleranza zero. Dotò i suoi vigili di manganelli e partecipò a blitz con la Municipale (finendo due volte aggredito). De Luca i conti, quando si tratta di voti, li sa fare. E forse oggi ritiene che attaccare l'area 'solidale' del Pd con un Paese che va verso destra, sia tutto sommato un gioco che vale la candela.
"Ferro cinese scadente": incubo crollo per ponti e cartelloni installati sulle autostrade
Ferro scadente (di solito prodotto in Cina) e mancate prove di resistenza al vento delle strutture: è alto il rischio che il crollo del grosso cartellone sulla strada statale Nola-Villa Literno sia frutto di incuria e mala gestione di appalti e forniture. Le indagini e le perizie faranno chiarezza ma già negli anni passati numerose procure avevano acceso i loro riflettori sull'utilizzo di materiali non di qualità e di tecniche di montaggio scorrette.