Una volta era un ‘dolce stagionale', un qualcosa che si aspettava un anno intero e che, di questi tempi, veniva preparato con una cura e una solennità da rito pagano. Sua maestà la pastiera di grano napoletana , è un sempreverde della cucina partenopea: la si può gustare tutto l'anno, tant'è che qualcuno ha perfino dimenticato la tradizione pasquale che l'accompagna, arrivando a pensare si tratti invece di un dolce tipicamente di Natale. E invece no: la pastiera è legata al periodo di Pasqua anche se poi la bontà di pasta frolla ripiena di grano, canditi, aromi (l'immancabile vaniglia e fiori d'arancio) e ovviamente ricotta freschissima è ormai presente tutto l'anno nelle vetrine delle pasticcerie partenopee.

Dove mangiare la migliore pastiera a Napoli?

La ricetta della pastiera ha numerose varianti e riguardano per lo più ovviamente gli aromi e il grano. Esiste, infatti, anche la pastiera di riso. Per gli aromi basta che millefiori e canditi siano presenti in percentuale più o meno maggiore per variare profondamente il gusto dell'impasto finale. Per quel che riguarda il grano, invece, è tutto da capire se si gradisce "sentirlo" al palato o no. Nel secondo caso il grano viene più amalgamato nell'impasto quasi a risultare impalpabile rispetto alla ricotta. Tanti i laboratori di maestri pasticcieri che hanno la loro ricetta e il loro "tocco segreto". Ci sono i sempreverde Attanasio alla FerroviaBellavia all'ArenellaScaturchio in piazza San Domenico e con loro ci sono tanti altri laboratori o pasticcieri, forse meno conosciuti ai più ma altrettanto capaci di sfornare una eccellenza. Ecco una piccola selezione di Napoli Fanpage.it come al solito con la raccomandazione di suggerire eventuali altri pasticcieri nei commenti.

Bar Leon D'Oro – via Foria

È un bar come tanti ma la sua pastiera è decisamente un piccolo capolavoro. Il Leon D'Oro in via Foria offre ai suoi avventori pastiera a fette o intera, su ordinazione, solo nel periodo pasquale. Vale la pena approfittarne e assaggiarla.

Pasticceria Dolce Palato – via Speranzella

Nel cuore dei Quartieri Spagnoli una vera sorpresa: la pastiera – insieme ad altri dolci stagionali della tradizione napoletana – è davvero un viaggio nel gusto (e anche offerta a prezzo vantaggioso). Bisogna solo inerpicarsi lungo via Speranzella. Tempo ben speso.

Caffetteria Ceraldi – piazza Carità

Piazza Carità, oggi conosciuta come piazza Salvo D'Acquisto, è il regno della caffetteria Ceraldi, uno dei migliori bar di Napoli. La pastiera non è da meno. Vale la pena sedersi al tavolino e gustarla con un ottimo caffè.

La Pastiera Napoletana – via Benedetto Croce

Non solo il contenuto ma anche il contenitore: La Pastiera Napoletana, grazioso negozietto a Spaccanapoli, offre praticamente 12 mesi all'anno pastiere appena sfornarte. E le vende in bei contenitori in latta, stile vintage anni Cinquanta. Davvero belli anche da regalare.

Gran Caffè Cimmino – piazzetta Rodinò

Sempre a Chiaia, la pastiera del Gran Caffè Cimmino di piazzetta Rodinò è un altro piccolo capolavoro della cucina made in Napoli. L'ideale è gustarla di pomeriggio, magari prima di fare un giro nella vicina libreria Feltrinelli o prima di andare a vedere un film ai vicini cinema Martos o Filangieri.