"Bocca di rosa che metteva l'amore sopra ogni cosa" è più di una canzone: è un pezzo di storia della musica italiana, un racconto popolare che ormai accompagna di generazione in generazione la memoria dell'opera di Fabrizio De Andrè. Forse non tutti sanno che c'è una versione in dialetto napoletano della canzone sul "furto d'amore". Fu il cantautore genovese a contattare l'attore Peppe Barra, nel 1994 per chiedergli di incidere una versione napoletana della canzone. Che fu tradotta in dialetto partenopeo da un altro grande attore partenopeo, Vincenzo Salemme.

Bocca di Rosa napoletano-italiano

Tutti me chiammano bocca di rosa
sentite che musso, che schiocche addirose
tutti me chiammano bocca di rosa
pe' mme l'ammore è ‘a primma cosa.
Quanno scennette dint' ‘a piazza
di un paesino vicino Avellino
subito ‘a voce currette sicura:
" ‘nunn'è ‘na monaca ‘e clausura!"
Ce sta chia ammore ‘o ffa ‘pe' ‘nziria
e chi ‘o ‘ffà pe' prufessione
bocca di rosa né l'uno né l'altro
"‘o ffaccio sulo pe' divozione".

La chiamavano Bocca di Rosa
metteva l'amore metteva l'amore
la chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.
Appena è scesa alla stazione
del paesino di Sant'Ilario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.
C'e' chi l'amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
Bocca di Rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione.

Però ‘a divozione diventa passione
e mentre spalpito per le mie voglie
‘o sangue dal cuore mi sale in testa
mi scordo di chiedere all'uomo se ha moglie.
E allora ‘e femmene d' ‘o paese
comme si fossero cane mulosso
s'arrevutaiene tutte m'paranza
pecché me stevo futtenno l'uosso.
Ma li bizzoche di un paesello
songo ‘mpechere che non fanno danno
allucche ‘e papera, strille ‘e gallina
‘o core che tremma, ‘o ciato c'affanna.Ma la passione spesso conduce
a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.
E fu così che da un giorno all'altro
Bocca di Rosa si tirò addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso.
Ma le comari di un paesino
non brillano certo d'iniziativa
le contromisure fino al quel punto
si limitavano all'invettiva. 

‘O munno è chino di gente per bene
che Cristo all'altare servire si vanta
e quanno le voglie non può phiù sfamare
pe dint' ‘o velliculo piscia acqua santa.
Così una vecchia rimasta zitella
pecchè nisciuno l'ha aizata ‘a gunnella
se pigliaie ‘o mpiccio, e tanto fuie ‘nzista
me scassaie ll'ova cu tutto ‘o canistro.
Chiammaje a raccolta ‘e scurnacchiate
e le dicette cu voce ‘ncazzata
"Bocca di rosa è mariola d'ammore,
punisca la legge stu disonore!"

Si sa che la gente dà buoni consigli
sentendosi come Gesù nel Tempio
si sa che la gente da' buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio.
Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli, senza più voglie
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.
E rivolgendosi alle cornute
le apostrofò con parole acute:
"Il furto d'amore sarà punito disse
dall'ordine costituito". 

 Curretero allora addò maresciallo
quarantasei zizze pe' ventitre scialli
chella cchiù scura de carnagione
facette ‘a parte d' ‘o lione:
"Mò so' tre mise che dura st'andazzo
all'uommene nuoste ha fatto ascì pazzo
chella nun è femmena onesta
chissà ch'annasconne sotto ‘a veste".
Vennero a casa col foglio di via
Pasquale e Luigino Santamaria
sete d'ammore dint' ‘e penziere
sotto ‘e divise d' ‘e carabiniere.

E quelle andarono dal commissario
e dissero senza parafrasare:
"Quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare".
Ed arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi con i pennacchi
e arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.
Spesso gli sbirri e i carabinieri
al loro dovere vengono meno,
ma non quando sono in alta uniforme
e l'accompagnarono al primo treno. 

Nientedimeno che alla stazione
ce steva ‘na folla da fare impressione
me ne partevo purtanneme appresso
quel libero amore a tutti concesso.
Dal maresciallo al parrocchiano
lacreme all'uocchie, cappello nmano.
Firmato da tutti vulaje ‘nu messaggio
col fiocco attaccato a una rosa di maggio.
In stretto anonimato
cu' lettere ‘ncullate
"Bocca di rosa, tiempo e furtuna
veneno e vanno come fa ‘a luna!"

Alla stazione c'erano tutti dal
commissario al sagrestano
alla stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano.
A salutare chi per un poco
senza pretese, senza pretese
a salutare chi per un poco
portò l'amore nel paese.
C'era un cartello giallo
con una scritta nera, diceva:
"Addio Bocca di Rosa
con te se ne parte la primavera".

 Primma del tuono arriva la luce,
accussì corrono tutte ‘e ‘nciuci
"Mò arriva ‘o treno cu bocca di rosa
currite currite, lassate ogni cosa!"
Alla stazione subito appresso
truvaje a ricevermi un comitato
musica, fiori, sindaco in testa
manco si fossi ‘nu capo ‘e Stato.
Mo' pure ‘o prevete s'é fissato
che stongo cca' per una missione
me vo' vicino int' ‘a prucessione
pecché adda vencere ‘a tentazione.

Ma una notizia un po' originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.
E alla stazione successiva
molta più gente di quando partiva
chi manda un bacio, chi getta un fiore,
chi si prenota per due ore.
Persino il parroco che non disprezza
fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione.

 Cu' Maria Vergine in prima fila
me tiene d'uocchio ‘nu poco ‘a luntano
purtannese a spasso pe' tutto ‘o paese
l'ammore sacro e l'ammore profano.

E con la Vergine in prima fila
e Bocca di Rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l'Amore Sacro e l'Amor Profano.