Morena Albino, accoltellata dall’ex fidanzato sul lungomare di Napoli
in foto: Morena Albino, accoltellata dall’ex fidanzato sul lungomare di Napoli

È cosciente, le sue condizioni sono buone considerando quello che le è successo ieri. È ancora viva Morena Albino, un fatto che ieri non appariva per niente scontato ai medici che l'hanno soccorsa sul lungomare di Napoli. La ragazza è stata trovata in una pozza di sangue, con profonde ferite da arma da taglio sul corpo. La 19enne questa mattina ha deciso di ringraziare tutte le persone che l'hanno aiutata in queste ore e tutti coloro che si sono preoccupati per le sue condizioni di salute: "Sto bene, per fortuna sono viva, ma adesso lui dovrà pagare per quelle coltellate che mi ha dato", dice dal suo letto di ospedale al Loreto Mare. Si riferisce all'ex fidanzato, Antonio B., 25 anni, che ora dovrà rispondere di tentato omicidio aggravato. I sospetti degli investigatori si sono concentrati fin da subito su di lui e il movente è apparso subito chiaro: la loro relazione era appena finita e i due litigavano continuamente anche per l'affidamento del bimbo nato tredici mesi fa.

"Alle donne dico di denunciare subito le violenze subite", ha scritto stamattina Morena sui social network. Questo il primo messaggio che ha voluto lanciare non appena le sue condizioni si sono stabilizzate. Aveva ricevuto cinque coltellate, una diretta al polmone. È arrivata in fin di vita all'ospedale Loreto Mare, ma un intervento chirurgico eseguito dall'equipe della struttura sanitaria napoletana le ha salvato la vita. Le sono stati applicati ben settanta punti di sutura e non sarebbe più in pericolo di vita. Il lavoro degli investigatori prosegue ancora in queste ore per accertare le responsabilità dell'ex fidanzato 25enne, che per il momento (o almeno non ne è stata data comunicazione da parte delle forze dell'ordine) non avrebbe ancora confessato.