È un quadro di Domenico Diele, quello che emerge dall'ordinanza di custodia emessa dal gip lunedì scorso, molto preciso e, a tratti, preoccupante. L'attore 32enne, star di "1992", è detenuto nel carcere di Fuorni (Salerno) per aver investito e ucciso Ilaria Dilillo, 48 anni, nella notte tra il 23 e il 24 giugno. Lo scorso lunedì, all'interno del carcere, si è tenuto l'interrogatorio di convalida dell'arresto, alla fine del quale è stato deciso per la custodia cautelare agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Proprio nelle motivazioni della sentenza, il gip Fabio Zunica, come riporta Repubblica, tratteggia il profilo di Domenico Diele: È un indagato dalla non trascurabile pericolosità sociale. Un uomo rivelatosi più volte insofferente alle regole. E la cui consuetudine con gli stupefacenti era già emersa in diverse precedenti occasioni” si legge nell'ordinanza. Non solo, secondo il giudice Diele è un soggetto per cui "pure a fronte dello status formale di incensurato esiste un concreto e attuale pericolo di ulteriori condotte recidivanti".