La comunità di Oliveto Citra, piccolo paesino in provincia di Salerno, è sconvolta dalla morte di Giuseppe, 38 anni, bracciante agricolo, che ha deciso di togliersi la vita questa mattina impiccandosi nella sua casa in località Acquabianca, al confine con il Comune di Campagna. A trovate il cadavere, sotto choc, sono stati i genitori del 38enne che, sperando che potesse salvarsi, hanno subito allertato i soccorsi. Giunti sul posto, però, gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo.

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Oliveto Citra, che in un primo momento hanno sequestrato la salma di Giuseppe, salvo poi riconsegnarla alla famiglia dopo un esame esterno del cadavere, bollando la morte, inequivocabilmente, come suicidio. Stando a quanto si apprende, sembra che l'uomo soffrisse di depressione e fosse in cura. La famiglia ha disposto i funerali per domani.