Nel loro giorno più bello, quello del matrimonio, hanno deciso di coinvolgere le persone meno fortunate, quelle che spesso vengono etichettate e che vivono ai margini della società, per far loro respirare un'atmosfera festosa e magari farli sentire, almeno per un po', a casa. Marco e Nunzia, che questa mattina sono convolati a nozze nella chiesa del Santissimo Crocifisso e Santa Rita in via Scipione Rovito, al centro di Napoli – non molto distante da piazza Carlo III e dall'Orto Botanico – hanno deciso di invitare alla cerimonia alcuni migranti ospitati nei centri di accoglienza della città e assistiti dall'Associazione Antirazzista Interetnica "3 febbraio" che da oltre 20 anni si occupa di dare un aiuto ai migranti.

In chiesa, così, oltre ai parenti e agli amici degli sposi, c'erano anche ivoriani, bengalesi, senegalesi, che hanno risposto favorevolmente all'invito, portando in dono a Marco e Nunzia biglietti di auguri e ringraziamenti per aver dato loro l'opportunità di essere presenti nella celebrazione di un giorno così importante.