La Regione Campania pagherà le spese legali per aiutare la famiglia di Tiziana Cantone ad affrontare gli strascichi della vergognosa diffusione dei video hot in Rete che ha causato il suicidio della giovane. La proposta del consigliere regionale Francesco Borrelli ha avuto il via libera dal presidente Vincenzo De Luca, che si è attivato per costituire un fondo da mettere a disposizione di chi subisce violazioni della privacy sul web, destinato al pagamento delle spese legali necessarie per la rimozione di contenuti diffusi senza consenso.

"Di fronte alla barbarie delle violenze mediatiche – sottolinea in una nota De Luca – che ragazzi e ragazze subiscono in Rete, alla quale occorre mettere immediatamente un freno anche legislativo, l'istituzione del fondo da parte della Regione Campania intende contribuire alla tutela delle persone e della loro vita privata e allo stesso tempo incentivare la possibilità di denunciare gli episodi da parte delle vittime di stalking e ricatti. Il fondo potrà essere impiegato anche per le spese necessarie alla cura e al sostegno psicologico delle vittime". La Regione si costituirà inoltre parte civile a tutela delle vittime, e si riserva di escludere da ogni contributo o beneficio istituzionalmente previsto, gli organi di comunicazione responsabili della trasmissione di dati privati.