Hanno cominciato a colpirsi a vicenda con calci e pugni, fino ad utilizzare i caschi come arma contundente. Tre ragazzi sono stati arrestati dai carabinieri con l'accusa di rissa aggravata da futili motivi scoppiata nella Pignasecca, a pochi metri dall'ingresso dell'ospedale Vecchio Pellegrini, nel centro storico di Napoli. I militari dell'Arma sono intervenuti mentre la rissa era nel pieno, riuscendo a fatica a separare i tre contendenti. Si tratta di un 19enne e un 22enne già noti alle forze dell'ordine e di un altro 19enne incensurato.

Due di loro sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche, uno per la rottura del setto nasale e un ematoma allo zigomo, giudicati guaribili in 30 giorni, mentre l'altro per un trauma cranico non commotivo, guaribile in due giorni. Stando a quanto si apprende dalle indagini del militari, la violenta colluttazione sarebbe nata a causa di un lieve incidente stradale avvenuto tra i tre il giorno prima.