Quattro ragazzi sono finiti in ospedale dopo essere stati aggrediti ieri sera, intorno alle 22, a Bagnoli, vicino alla fermata Agnano della Cumana. I ragazzi, tre minorenni e un 18enne, si trovavano in un locale, seduti intorno a un tavolino all’esterno del bar. In quel momento sarebbe arrivato un ragazzo, di 33 anni: Mohamed Refi, un tunisino senza fissa dimora. Il tunisino, ubriaco, ha iniziato a infastidire i ragazzi che si trovano fuori dal locale e li ha poi aggrediti. L’uomo ha tentato di scappare subito dopo l’aggressione ma è stato ritrovato e arrestato.

L’aggressore ha inseguito i ragazzi che avevano tentato di allontanarsi dopo essere stati infastiditi: ha poi preso una bottiglia e l’ha spaccata su un palo. Uno dei ragazzi è rimasto ferito all’ascella, un altro al volto, uno ha riportato tagli su tutto il corpo e infine il quarto ragazzo ha riportato delle escoriazioni all’addome. I ragazzi sono stati accompagnati al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo da alcuni passanti.

Dopo il tentativo di fuga, il tunisino è stato ritrovato dagli agenti del commissariato Bagnoli, intervenuti su segnalazione di una rissa. L’uomo è stato ritrovato dopo circa mezz’ora di ricerche coperto di sangue e in stato confusionale. Secondo quanto riportato dalle forze dell’ordine, si era nascosto all’interno di un cortile di uno stabile su via Diocleziano.

L’aggressore è stato arrestato con le accuse di tentato omicidio nei confronti del ragazzo ferito al fatto e di lesioni aggravate per gli altri. È stato trasportato anche lui in ospedale dalla pattuglia del commissariato Pianura: è stato dimesso con dieci giorni di prognosi.