I poliziotti della sezione Falchi della Squadra Mobile di Napoli ieri sera, 19 marzo, hanno arrestato Ciro Junior Marigliano, 28 anni, napoletano delle Case Nuove, e Zakaira Khayali, 29 anni, marocchino, entrambi pregiudicati. Gli agenti stavano pattugliando il quartiere quando hanno visto Marigliano, su uno scooter, che tirava fuori qualcosa dalla tasca e la passava all’altro. Si sono avvicinati rapidamente per controllare, i due hanno tentato la fuga ma sono stati bloccati. E i poliziotti hanno scoperto di cosa si trattava: un panetto da 100 grammi di hashish, con impressa la scritta TMT. I due sono stati arrestati e condotti nella casa circondariale di Poggioreale con le accuse di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti in concorso.

Ciro Junior Marigliano era stato già arrestato di recente, appena 10 giorni fa. Era la notte del 10 marzo quando venne fermato da una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine della Questura per un controllo nelle Case Nuove. Il ragazzo aveva chiamato in auto il padre, Ciro Marigliano, e il fratello, Giuseppe Marigliano, ed a loro tre si erano unite altre persone per cercare di evitare quell’accertamento. Erano dovute intervenire altre volanti per tenere sotto controllo la situazione e, dopo un parapiglia, con insulti e spintoni, e il tentativo di fuga di Giuseppe Marigliano, i tre erano stati arrestati; accusati per i reati di resistenza, minacce, oltraggio ,lesioni a pubblico ufficiale e rifiuto delle proprie generalità, erano stati processati per direttissima il giorno successivo.