Sono stati rinviati a giudizio il 40enne G.W. di origini polacche e residente in Irpinia e una donna, K.I., madre di una ragazzina di 14 anni vittima di violenza sessuale da parte dell'uomo. La decisione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Avellino Gilda Zarrella è giunta al termine di una lunga camera di consiglio. La donna è accusata di non aver impedito che tra la figlia minorenne e l'uomo si instaurasse una relazione di tipo sessuale, relazione dalla quale sarebbe nata anche una bambina: omessa vigilanza della minore e di non avere impedito il reato le accuse per la donna, di nazionalità romena ma residente a Moschiano, nell'Avellinese.

I due dovranno presentarsi in tribunale il prossimo 16 luglio

La donna, per cui il processo insieme con l'uomo inizierà il prossimo 16 luglio, secondo quanto emerso avrebbe poi denunciato quanto stava accadendo solo dopo mesi, presentando un esposto denuncia nei confronti dell'uomo, per questo il giudice per le udienze preliminari ha disposto il vaglio dell'istruttoria dibattimentale. I due dovranno presentarsi ora davanti al tribunale in composizione collegiale presieduto dal giudice Luigi Buono.