Un ennesimo episodio di violenza quello avvenuto a Battipaglia nella serata di mercoledì, quando un uomo è stato aggredito da una baby gang nella cittadina della Piana del Sele. Un agguato vero e proprio, avvenuto dopo una prima molestia nei confronti di una ragazzina minorenne, al padre della giovane, che era intervenuto per difenderla. Tutto si è consumato nel giro di un paio d'ore: sulla vicenda indagano ora i carabinieri della locale compagnia, che stanno cercando di risalire all'identità dei responsabili. E' accaduto nella serata di mercoledì, quando un ragazzo si è avvicinato alla minorenne, tentando di bloccarla e stringendole le mani al collo: la giovane, terrorizzata, è riuscita però a telefonare al padre ed a raccontargli cosa fosse appena accaduto. L'uomo, precipitatosi sul posto, ha rimproverato il giovane ed allontanato la figlia, riportandola a casa e cercando di tranquillizzarla.

Ma il giovane bullo, invece di tornarsene a casa e magari riflettere sul gesto appena compiuto, ha deciso invece di alzare il tiro: ha chiamato così alcuni amici e, circa due ore dopo, ha raggiunto l'uomo mentre si trovava nei pressi della propria abitazione assieme alla figlia ed alla moglie. Una volta incrociati, il gruppo non ha esitato ad accerchiarlo e picchiarlo: almeno dieci i giovani che si sono resi protagonisti dell'agguato, che poi dopo il pestaggio si sono dati alla fuga. L'uomo è stato così soccorso e portato all'ospedale Santa Maria della Speranza di Battipaglia per le cure del caso. I militari dell'arma hanno così avviato le indagini per risalire all'identità della baby gang, dopo aver ricevuto una formale denuncia da parte della vittima del pestaggio.