Dice di essere Andriy Shevchenko per sfuggire all'arresto. Ma, ovviamente, non gli è servito a molto ed alla fine i carabinieri lo hanno portato in carcere. E' accaduto a Boscoreale, nel napoletano. Lui, G.G., è un quarantenne polacco che risiede da anni nella cittadina vesuviana, e che si trovava attualmente ai domiciliari per furto fino ad una settimana fa, quando invece aveva fatto perdere le proprie tracce.

Era accusato di una serie di furti di pannelli fotovoltaici e si trovava così agli arresti domiciliari nella propria abitazione quando aveva fatto perdere le proprie tracce. I carabinieri hanno così iniziato le ricerche, trovandolo dopo alcuni giorni in un casolare di campagna, diroccato ed abbandonato, nelle zone interne di San Giuseppe Vesuviano. Quando è stato trovato, era completamente ubriaco e non ha tentato la fuga, ma ha provato a non farsi arrestare dicendo di chiamarsi Andriy Shevchenko, indimenticabile centravanti del Milan e della nazionale ucraina. Ma il suo tentativo non ha sortito alcun effetto, se non quello di aggiungere, al reato di evasione dai domiciliari, anche quello di false generalità fornite ai carabinieri. Per lui, dunque, è stato disposto l'immediato trasferimento in carcere.