Maurizio Prestieri, ex-braccio destro del boss Paolo Di Lauro, si racconta. L'uomo è stato protagonista della prima puntata di Kings of Crime, programma condotto da Roberto Saviano, nel quale ha raccontato il proprio passato ma soprattutto i grandi affari del clan Di Lauro e della Faida di Scampia, affrontando anche temi scottanti come l'omicidio di Gelsomina Verde, trucidata a ventuno anni e vittima innocente della guerra tra i clan.

"A ventotto anni avevo già visto tutto", ha spiegato Prestieri, "ero come un malato terminale. La droga più bella è il potere". L'ex-braccio destro del boss racconta: "Spesi ventotto milioni di lire con Paolo Di Lauro, solo per bere una sera. Altri cinquanta o sessanta milioni di lire per una cena con una trentina di persone. Non mi pento, so però che oggi non posso più fare quella vita. Ma rifarei tutto". Parole al vetriolo, quelle di Prestieri. Ed il risultato, in termini di share, sembra aver ripagato l'idea di Saviano. La prima puntata di Kings of Crime, infatti, è stata vista da una media di 400.000 spettatori (2% di share), ma il programma ha registrato in simulcast su Nove, RealTime, DMAX, Focus e Giallo 1.114.000 spettatori complessivi pari al 3.34% di share.