Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

In due su uno scooter senza casco, si imbattono in un posto di blocco ma non si fermano: anzi, alla vista degli agenti, accelerano e provano a dileguarsi, dando vita ad una fuga a folle velocità per le strade del centro di Aversa. Alla fine però sono stati catturati dai carabinieri, che li hanno identificati in breve tempo e che hanno denunciato il conducente per resistenza a pubblico ufficiale.

Tutto è avvenuto attorno alle 9.30 di lunedì mattina, in via Salvo D'Acquisto, nel cuore di Aversa. I due ragazzi erano a bordo di uno scooter modello Honda Sh 125 senza casco, quando si sono imbattuti in una pattuglia dei carabinieri della cittadina normanna, che gli ha imposto l'alt. Ma i due, alla vista dei militari, hanno subito accelerato e provato a dileguarsi nel traffico cittadino. Ne è nato un inseguimento con i due ragazzi che hanno provato a darsi alla fuga a folle velocità, rischiando anche di coinvolgere i cittadini incrociati lungo la corsa in moto. Ma gli agenti, che avevano preso il numero di targa del motorino, hanno prima rinunciato all'inseguimento per evitare di mettere a rischio chi fosse in strada in quel momento, poi però li hanno prontamente identificati.

Poco dopo, infatti, hanno prima identificato il passeggero, risultato essere figlio e nipote di due pluripregiudicati (il padre è tutt'ora in carcere), e poi del conducente. Per quest'ultimo è scattata la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, mentre per i genitori di entrambi sono scattate multe per omessa vigilanza sulla condotta dei propri figli, oltre alle multe vere e proprio per i due ragazzi per non indossare il casco mentre erano in scooter.