Sei anni e otto mesi di reclusione: questa la condanna inflitta ad un docente di musica, finito agli arresti domiciliari nel marzo 2017 con l'accusa di violenza sessuale ai danni di cinque minorenni di una scuola media di Eboli. L'uomo era stato incastrato al termine di una lunga e complessa indagine partita dalla denuncia di un sedicenne.

Il processo si è tenuto con rito abbreviato: il gup del tribunale di Salerno, Marilena Albarano, ha inflitto all'uomo una pena più alta rispetto a quella avanzata dal pubblico ministero al termine della sua requisitoria. Oltre ai sei anni e otto mesi di reclusione, è stata aggiunta anche una provvisionale di cinquemila euro per il sedicenne che sarebbe stato adescato sull'autobus e grazie al quale sono partite le indagini. Il giovane denunciò di essere stato molestato lungo la tratta Battipaglia-Eboli dall'uomo, che riconobbe tra alcune foto mostrategli dai carabinieri. Nessuno degli ex-alunni del maestro di musica, invece, si è mai presentato per chiedere i danni, sebbene abbiamo raccontato tutto agli inquirenti dopo la denuncia del sedicenne. Secondo quanto riportato dal quotidiano "il Mattino", l'uomo durante le lezioni di musica che si tenevano in una scuola media ebolitana avrebbe molestato i propri giovanissimi alunni "accarezzandoli" nelle parti intime.