Un ragazzo di 21 anni, nigeriano ma residente in Italia e con regolare permesso di soggiorno, è stato medicato questa notte, all'1 del 6 maggio, al Pronto Soccorso dell'ospedale Cardarelli per ferite da arma da taglio alla schiena e contusioni varie, riconducibili a un'aggressione e presumibilmente a un pestaggio. Il giovane, incensurato, ha riferito ai carabinieri di essere stato ferito poco dopo la mezzanotte da alcuni sconosciuti e senza un motivo evidente. Lo avrebbero bloccato in vico Scassacocchi, a Forcella, mentre era a piedi e da solo. Sarebbero stati in quattro, italiani, armati di coltello, lo avrebbero ferito all'improvviso e sarebbero scappati. Durante gli accertamenti in ospedale gli hanno trovato anche vari traumi, che potrebbero essere riconducibili ad un pestaggio. Le ferite non erano profonde, è stato medicato e dimesso con prognosi di sette giorni. Le indagini sono affidate ai carabinieri, che dopo aver ascoltato il ragazzo in ospedale hanno effettuato i sopralluoghi sul punto indicato alla ricerca di tracce di sangue o altri elementi che potessero fornire indicazioni utili per ricostruire la dinamica del ferimento e accertare la versione fornita dalla vittima.

Il ragazzo, che non ha precedenti penali, non risulta inserito in contesti criminali della zona; al momento sembra esclusa anche la matrice razzista dell'aggressione, secondo il racconto della vittima i quattro non avrebbero fatto riferimenti del genere durante il ferimento. Si cercano anche delle telecamere di videosorveglianza che potrebbero aver ripreso il momento in cui il giovane è stato fermato o il passaggio delle persone descritte.