Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

NAPOLI – Complicata la situazione che stanno vivendo gli ospedali Santobono e Cardarelli. A causa del picco dell'influenza stagionale che si avvicina sempre di più, i due nosocomi napoletani si stanno ritrovando a gestire un numero di ricoveri di gran lunga maggiore alla capienza massima. Per questo, per evitare che gli ospedali vadano al collasso, i direttori generali del Santobono e del Cardarelli, rispettivamente Annamaria Micucci e Ciro Verdoliva, hanno diramato una nota congiunta nella quale invitano la cittadinanza a recarsi al Pronto Soccorso soltanto se strettamente necessario, in casi particolarmente urgenti.

"In Campania c'è ancora un eccessivo ricorso all'ospedale, mentre è bene che per l'assistenza sul territorio si faccia riferimento alla medicina generale, alla pediatria di famiglia e alla continuità assistenziale. I dati ci dicono che al Cardarelli si registra il 70 percento circa di accessi impropri, e al Santobono si arriva all'80 percento. Questo significa che su 100.000 pazienti addirittura 80.000 non si sarebbero dovuti rivolgere al pronto soccorso" si legge nella nota congiunta dei due direttori generali.