Paura in Irpinia per alcuni furti, con "effetti speciali", perpetrati ai danni dei bancomat di alcuni istituti di credito della provincia di Avellino. Sono almeno tre i colpi andati in scena nell'ultimo mese, tutti con lo stesso modus operandi, che lasciano pensare che, ad entrare in azione, sia la stessa banda: i malviventi arrivano, piazzano un esplosivo sullo sportello del bancomat, lo fanno saltare in aria e poi scappano via con il bottino. L'ultimo furto, in ordine di tempo, nella notte a Montoro, intorno alle 4, dove lo sportello del bancomat della Banca Monte Pruno è stato fatto saltare in aria: ancora da quantificare il bottino: sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Baiano.

Soltanto il 7 luglio, una scena analoga a Flumeri. Sempre con la complicità delle tenebre, intorno alle 3, ignoti hanno fatto esplodere il bancomat del Credito Cooperativo. Anche in quell'occasione, il bottino non fu quantificato: ad indagare i carabinieri della compagnia di Ariano Irpino. Infine, lo scorso 16 giugno, stavolta a Calabritto, alle 4 di notte, lo sportello bancomat della Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani è stato divelto, ancora con dell'esplosivo. Stesso copione: bottino da quantificare e carabinieri, quelli della compagnia di Montella, sul posto per le indagini. Il modus operandi fa pensare, dunque, all'esistenza di una banda esperta e organizzata, anche se il collegamento tra i furti non è ancora stato accertato e le indagini dei militari sono ancora in corso.