Un chilo e settecento grammi di droga, in parte già diviso in dosi, il resto ancora da confezionare. Era tutto nascosto nel ripostiglio di una donna di 43 anni di Fuorigrotta, già nota alle forze dell'ordine. I carabinieri della Compagnia di Marano di Napoli sono arrivati nella abitazione di A. M., in via Consalvo nell'ambito di indagini sullo spaccio di droga, trovando quello che sembra essere la scorta di una piazza di spaccio. I militari hanno avviato la perquisizione ma nell'appartamento non c'era niente. Sono quindi passati al sottoscala, dove c'era un ripostiglio abusivo che era stato ricavato nella parete. La porta era chiusa a chiave.

Dentro, la droga. In buste di cellophane, ognuna delle quali con delle scritte che ne indicavano il tipo e la qualità, c'erano un chilo e 200 grammi di marijuana, mezzo chilo era stato già diviso in 385 bustine; accanto, c'erano 5 panetti di hashish, ognuno da cento grammi, per un peso totale di circa mezzo chilo. Nello stesso locale c'era anche il materiale per il confezionamento, presumibilmente era quindi lì che la droga veniva divisa in dosi: i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato forbici, pinzatrici, buste di plastica, bilancini di precisione e una macchina per il sottovuoto. La donna è stata arrestata è rinchiusa nel carcere di Pozzuoli.

Ulteriori indagini sono in corso per capire se la donna stesse nascondendo quella droga per conto di qualcuno e a quale piazza di spaccio fossero destinati droga e hashish. La donna non risulta legata alla criminalità organizzata del posto ma non è escluso che possa essere stata scelta come custode proprio per questo motivo.