immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Era in macchina quando si è imbattuto in un posto di blocco dei carabinieri. Paletta alzata, e lui ha tentato il tutto per tutto: se fosse stato fermato sarebbe stato di sicuro denunciato, così ha tentato di evitare quel controllo e ha premuto il pedale a tavoletta. Ne è nato un inseguimento spericolato, con tanto di speronata per buttare i militari fuori strada, che si è concluso quando la gazzella dei carabinieri gli ha tagliato la strada. Ormai bloccato, al giovane non è rimasto altro da fare che arrendersi. Il ragazzo, 16 anni, è stato denunciato insieme all'amico che era con lui, e l'automobile è stata restituita al nonno, che non sapeva che il nipote avesse preso la sua vettura per quel giro notturno,

È successo a Ischia, durante i controlli del territorio predisposti dai carabinieri della Compagnia locale. I due giovani erano stati intercettati da una pattuglia dell'aliquota Radiomobile dell'isola del golfo di Napoli, che stavano effettuando delle verifiche a campione lungo le strade cittadine. I militari hanno indicato al ragazzo di accostare ma lui, per evitare che scoprissero che stava guidando senza essere in possesso della patente, ha cominciato a scappare.

I militari lo hanno inseguito lungo le strade cittadine, intimandogli più volte di fermarsi, ma inutilmente. Durante la fuga il ragazzo li ha speronati per tentare di distanziarli e poi, dopo aver colpito un'altra automobile, è stato costretto a rallentare; a quel punto i carabinieri lo hanno superato e hanno fermato la vettura di traverso, tagliandogli la strada e costringendolo a fermarsi. Il 16enne e l'amico di 20 anni, entrambi incensurati, residenti ad Ischia, sono stati denunciati per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.