Le bomboniere per la Prima Comunione sono in alcuni casi oggetti improponibili, ninnoli di dubbia fattura o eleganza.  Stavolta però si è andati oltre: una  piccola pistola di ceramica dorata..

L'assurdo cadeau emerge nella trasmissione radiofonica La Radiazza di Francesco Emilio  Borrelli e Gianni Simioli. “Come è possibile che qualcuno osi solo pensare di creare una bomboniera a forma di pistola e che qualcuno decida anche di comprarla per ricordare un battesimo o una prima comunione?”.  Costa pure caro, il ninnolo: se comprato sul sito dell’azienda produttrice, si paga ben 20 euro.

“Chiaramente – spiegano il consigliere regionale dei Verdi e il noto speaker radiofonico partenopeo – non è possibile impedire la vendita di un prodotto del genere, ma è chiaro che faremo di tutto per boicottarlo e ci auguriamo che nessun negozio pensi di venderla” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “pensare a una pistola per celebrare un evento sacro è un ulteriore segnale dell’imbarbarimento della società e della perdita dei veri valori cristiani”.