Un malore improvviso mentre stava pescando: è morto così Antonio Cenname, sessantacinquenne napoletano originario della zona del Vasto. L'uomo si trovava in apnea quando, dalle prime ricostruzioni, avrebbe avuto un malore: nulla da fare per lui, è stato ritrovato cadavere nelle acque del Golfo di Napoli davanti Castel dell'Ovo. Ora toccherà alla capitaneria di porto fare chiarezza sulla vicenda.

La vicenda per il momento non lascia presagire altro che la pura e triste fatalità: l'uomo si sarebbe recato in zona per pescare sulla propria barca, quando improvvisamente avrebbe avuto un malore mentre era in immersione nel mare del Golfo di Napoli, quest'oggi agitato per il forte vento. A quel punto, per lui non ci sarebbe stato più nulla da fare: nonostante l'intervento dei soccorsi, giunti con un'ambulanza, il sessantacinque era già morto. Il corpo, recuperato dalla capitaneria di corpo, sarà probabilmente sottoposto ad autopsia per chiarire le cause della morte e, soprattutto, dell'improvviso malore che l'ha portato alla morte. Il sessantacinquenne, originario della zona del Vasto, era in compagnia del figlio.