Il Tribunale di Napoli ha condannato a quattro mesi di carcere un imprenditore campano per non aver pagato numerosi pedaggi autostradali sulla A3 Napoli-Salerno. Il mancato pagamento del pedaggio, ovviamente, è un illecito penale, o meglio un reato di insolvenza fraudolenta continuata e truffa aggravata. La sentenza definitiva della terza sezione del Tribunale di Napoli ha stabilito che D.R.S. oltre ai quattro mesi di reclusione viene condannato al pagamento delle spese processuali ed al risarcimento in favore della Societa' Autostrade Meridionali S.p.a., che gestisce la tratta autostradale Napoli-Salerno. Il mancato pagamento dei pedaggi da parte di D.R.S. e' stato documentato dalle fotocamere collocate alle barriere di entrata ed uscita della A3.  La sentenza del Tribunale di Napoli ha confermato precedenti sentenze che hanno sancito la natura penale dell' illecito commesso dall' automobilista.

Secondo l'articolo 641 del codice penale nel caso che l’automobilista non ha modo di pagare il pedaggio autostradale, una volta raggiunto il casello, il reato che scatta è quello di insolvenza fraudolenta, reato che scatta ogni volta che qualcuno contrae una obbligazione (in questo caso il talloncino prelevato all’entrata dell’autostrada) a cui non può adempiere. Nel caso dell’insolvenza fraudolenta si rischia la reclusione fino a 2 anni o la multa fino a 516 euro. Questo reato scatta soltanto quando il conducente entra volutamente in autostrada pur sapendo di non essere in grado di pagarne il pedaggio.