Il ponte di via Pigna è in una zona strategica e particolarmente affollata tra il Vomero e l'Arenella: immette in una rotonda che collega via Simone Martini, via Gabriele Jannelli, la parte finale di via Pigna che poi immette nelle Case Puntellate. Un'area che avrebbe bisogno non solo di manutenzione costante ma anche di una regolamentazione del traffico degna di questo nome. E invece non solo la Polizia Municipale non si vede praticamente mai, ma non c'è nemmeno il servizio manutenzione del Comune. Lo dimostra una denuncia avanzata dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dal consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini:

“Ci è stata segnalata – spiegano – la conduzione di deperimento strutturale che sta interessando il ponte di via Pigna. L’armatura del cemento è oramai visibile ad occhio nudo a causa dello sgretolamento delle parti esterne in muratura. Si tratta di un fenomeno che è comune a tanti altri ponti della città. Purtroppo, in alcuni casi, si tratta di strutture realizzate decenni fa che, a distanza di anni, lamentano il logoramento causato da passare del tempo. Evitando allarmismi fuori luogo, occorre prendere coscienza di un problema che richiede risposte serie e tempestive. "Per questa ragione – concludono i due –  abbiamo chiesto al Comune di Napoli di costituire una task force che valuti le condizioni dei ponti cittadini in modo da avere una percezione precisa di quali sono le problematiche da risolvere. In tal modo sarà possibile adoperare i correttivi del caso in modo da restituire alla cittadinanza dei ponti sicuri e decorosi".