NAPOLI – Un'incredibile storia quella che arriva da Qualiano, nella zona nord di Napoli. Un'intera famiglia è stata infatti arrestata dai carabinieri per maltrattamenti e lesioni nei confronti della propria figlia e sorella: si tratta di padre cinquantenne, madre quarantaseienne ed il figlio della coppia e fratello della vittima, di ventidue anni. Per la donna ed il figlio è scattata la custodia cautelare in carcere, mentre per l'uomo il regime dei domiciliari.

Dalle indagini dei carabinieri, è emerso che la vittima dei maltrattamenti, figlia della coppia e sorella del giovane, aveva ormai un rapporto di convivenza particolarmente difficile in famiglia, tanto da essersi allontanata da casa per nascondersi in un centro anti-violenza. Maltrattamenti fisici e psicologici quelli subiti, in particolare dalla madre: offese, insulti e minacce, spesso rivolte solo per farle sbrigare le faccende domestiche. Ma anche la costrizione a lasciare gli studi, oppure il divieto di rientrare in casa, senza cibo e costretta dunque a dormire all'aperto. Violenze di cui era complice, stando alle indagini, anche il fratello, che in un caso l'aveva perfino scaraventata dalla scale. Il padre era a conoscenza di tutto: alcune vessazioni avvenivano anche davanti ai suoi occhi, ma l'uomo non interveniva mai per difendere la figlia. Alla fine, incrociando le testimonianze e confrontandole con i racconti della giovane, oltre che con referti medici acquisiti, per madre e figlio è scattata la detenzione cautelare in carcere, mentre per il padre ci sono stati gli arresti domiciliari. Per tutti e tre, l'accusa è di maltrattamenti e lesioni nei confronti della giovane.