A chiamare i carabinieri sono stati i vicini di casa. Hanno sentito le grida, gli insulti, i rumori che sembravano quelli di un pestaggio e le invocazioni di aiuto e non hanno perso tempo: hanno avvertito le forze dell'ordine che si sono precipitate sul posto e sono piombate in casa, salvando la vittima, una donna di 74 anni, presa a schiaffi dalla figlia. In manette, con l'accusa di estorsione e maltrattamenti in famiglia, ci è finita una 41enne del Vomero, che vive coi genitori. L'intervento è del giorno di Pasquetta, il 22 aprile. L'aggressione era partita poco prima, durante una discussione che si era rapidamente trasformata in un pestaggio. Una richiesta di denaro, probabilmente l'ennesima, a cui l'anziana si era opposta non potendo più scucire denaro ed esasperata dalla situazione. Il diniego aveva fatto degenerare la situazione. Erano partiti gli insulti, gli spintoni, infine gli schiaffi e le urla e le richieste di aiuto che erano state sentite anche dai vicini di casa. I militari sono arrivati nell'appartamento pochi minuti dopo, la 41enne era ancora in casa e stava continuando a picchiare l'anziana madre. L'hanno bloccata e immobilizzata, mentre per la vittima è stata fatta intervenire un'ambulanza in casa; la donna è stata medicata, per lei non è stato necessario il trasporto in ospedale: seppur fortemente scossa, nell'aggressione aveva rimediato contusioni ed escoriazioni guaribili nel giro di 3 giorni. La figlia è stata ammanettata e, dopo le formalità di rito, è stata rinchiusa nel carcere femminile di Pozzuoli dove attenderà il processo. Sono in corso ulteriori indagini per verificare se ci sono stati altri episodi simili in passato.