napoli

Sequestrati quasi 4mila capi d’abbigliamento falsi pronti ad essere venduti a Natale

Quasi quattromila capi d'abbigliamento che dalla Puglia erano in arrivo in Campania: sgominata una "via della seta" di falsi da Barletta a Nola. Due denunciati: il titolare del negozio nolano ed il fornitore pugliese. Entrambi devono rispondere di contraffazione, ricettazione e frode in commercio.
La merce contraffatta sequestrata dalla Guardia di Finanza di Napoli.

Una vera e propria "invasione" di capi d'abbigliamento contraffati sul mercato napoletano: la Guardia di Finanza di Napoli è riuscita a smantellare una sorta di "via della seta" del falso, che dalla Puglia portava in Campania migliaia di capi contraffati anche di marche prestigiose. Si tratta di quasi quattromila pezzi, dal valore commerciale di circa centomila euro che, confezionati a Barletta, erano in procinto di partire alla volta di Nola, dove sarebbero stati "smerciati" sul mercato napoletano e pronti ad essere venduti soprattutto in occasione delle festività natalizie come se fossero pezzi originali.

I capi d'abbigliamento appartengono ad alcune delle marche più note, tra cui Gucci, Fendi, Burberry, Dsquared, Marcelo Burlon, Philipp Plein, Ralph Lauren e Fred Perry. Dalle indagini, è emerso che esistesse una rotta ben precisa che univa Nola e Barletta, lungo la cui asse si spostavano numerose quantità di accessori e capi griffati, che venivano stoccati all'interno di un deposito, assieme a vari articoli per l'etichettatura ed il confezionamento. Denunciati, al termine dell'operazione delle Fiamme Gialle, il titolare del negozio di Nola destinatario della merce ed il fornitore pugliese: devono rispondere di contraffazione, ricettazione e frode in commercio. Tutta la merce, in totale 3.765 pezzi contraffatti tra capi d'abbigliamento, materiale per il confezionamento e articoli per l'etichettatura, sono stati invece posti sotto sequestro.

CONTINUA A LEGGERE SU FANPAGE.IT

A Napoli migliaia di mascherine per bambini non a norma ma regolarmente in vendita
Nella centrale napoletana i documenti falsi per le truffe e per i rapinatori di Rolex
Fase 2, tutte le riaperture del 18 maggio in Campania, dall'abbigliamento ai parrucchieri
Attenti alle marche da bollo: i valori falsi usati anche per i documenti di Tribunale e Motorizzazione
Napoli, documenti falsi per i terroristi: tra gli indagati chi ha aiutato l'attentatore di Berlino
Dal centro di Napoli documenti falsi per i terroristi, la stamperia gestita da 4 fratelli
Napoli, morte del poliziotto Lino Apicella, scarcerato uno dei 4 rapinatori
Bimbo annegato a Varcaturo, incidente stradale per il padre: è in gravi condizioni
Papa Francesco: 'Verrò ad Acerra e nella Terra dei Fuochi appena possibile'