Ancora polemiche sulla vicenda del party del primario del reparto di Chirurgia vascolare dell'Ospedale del Mare, ormai diventato "ex" visto che il nosocomio ha fatto sapere di avergli revocato l'incarico. Pare infatti che alla festa fossero presenti altre unità mediche ed infermieristiche dell'ospedale, che risultavano invece essere ufficialmente "in malattia".

La scoperta degli inquirenti sarebbe avvenuta durante l'acquisizione delle immagini scattate durante la festa: un fatto che dunque ha fatto scattare un nuovo filone d'indagine da parte degli inquirenti. Se confermate, queste "presenze" rischiano di aggravare la già precaria posizione dell'ormai già ex-primario del reparto di Chirurgia vascolare, che proprio ieri dopo la sospensione ha ricevuto la notifica della revoca definitiva dell'incarica. Una decisione presa da Mario Forlenza, direttore generale dell'Asl Napoli 1 e del gruppo di lavoro istituito dal direttore sanitario Giuseppe Russo: un atto, tra l'altro, trasmesso anche al ministro della salute Giulia Grillo.

Un provvedimento preso "per i gravi fatti di cui lo stesso si è reso responsabile, che hanno leso irrimediabilmente il rapporto fiduciario". E che ora avrà altre conseguenze: sono infatti state avviate le procedure disciplinari anche per agli altri operatori sanitari coinvolti, tra cui il caposala. Ma ora il nuovo filone d'indagini rischia di allargare ulteriormente il party "dello scandalo". Con conseguenze difficilmente prevedibili. Come ha infatti ribadito a più riprese il ministro Grillo, non sarà accettato alcun scaricabarile ma si farà piena chiarezza su tutta la vicenda.