Si è sfiorata l'ennesimo dramma nel carcere napoletano di Poggioreale. Un detenuto di 27 anni, di origine rumena, ha tentato di suicidarsi nella sua cella, all'interno del reparto Livorno, nella sezione psichiatrica del carcere partenopeo. Il dramma è stato evitato dall'intervento tempestivo di due agenti della Polizia Penitenziaria che, accortisi delle intenzioni del 27enne, lo hanno fermato prima che potesse togliersi la vita. A rendere noto quanto accaduto è Ciro Auricchio, segretario regionale dell'Uspp, l'Unione dei sindacati della Polizia Penitenziaria.

"A seguito della chiusura degli OPG – commenta Auricchio – sono troppi i detenuti da gestire nelle sezioni psichiatriche delle carceri e pochi gli strumenti di sostegno terapeutico per questi soggetti. Nonostante la scarsità di risorse il personale di Polizia Penitenziaria, sotto organico di 200 unità solo a Poggioreale, riesce con enormi sacrifici a mantenere l'ordine e la sicurezza all'interno di Poggioreale". È da tempo che i sindacati denunciano le condizioni precarie – con scarsa disponibilità di mezzi e di risorse – in cui si trovano costretti a lavorare gli agenti nelle carceri italiane.