Siamo soliti vedere, in molti film, il bombarolo di turno in un luogo isolato, quasi sempre un capanno o un seminterrato, al massimo della concentrazione mentre è intento a preparare i suoi ordigni esplosivi per un atto criminale. Una scena che, invece, nella realtà, si ripeteva in maniera simile a Torre Annunziata, nella provincia di Napoli, dove un uomo di 53 anni fabbricava bombe artigianali nel suo scantinato. Ad entrare in azione sono stati i carabinieri della Sezione Operativa della compagnia di Torre Annunziata, con la collaborazione delle unità cinofile e degli uomini del Battaglione Mobile, che hanno denunciato l'uomo per detenzione illecita e omessa denuncia di materiale esplodente.

Nello scantinato, il 53enne aveva creato un vero e proprio deposito adibito alla fabbricazione di ordigni esplosivi artigianali. Durante la perquisizione, i militari dell'Arma hanno rinvenuto e sequestrato 30 spolette utilizzate per gli inneschi degli esplosivi, 400 grammi di polvere da sparo, oltre a materiale in carta e cartone utile al confezionamento delle bombe. Le indagini dei carabinieri sono ancora in corso per stabilire se, eventualmente, le bombe fabbricate dall'uomo possano essere state utilizzate in qualche atto criminale.