366 CONDIVISIONI
5 Febbraio 2020
9:50

Traffico di rifiuti verso l’Africa, nel porto di Napoli sequestrato container di spazzatura

La Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane hanno scoperto, nel porto di Napoli, un container pieno di 3 tonnellate di rifiuti: vestiti ed elettrodomestici diretti in Burkina Faso, in Africa, per essere rivenduti o gettati in discariche abusive. Denunciati due uomini, ritenuti responsabili del traffico.
A cura di Nico Falco
366 CONDIVISIONI

Balle di vestiti e scarpe, televisori e frigoriferi rottamati. Era tutto accatastato in un container, senza alcuna procedura di controllo o sanificazione, in attesa di partire verso l'Africa. Il carico di rifiuti speciali pericolosi è stato rinvenuto all'interno del porto di Napoli dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, insieme ai funzionari dell'Agenzia delle Dogane. La spedizione era diretta al Burkina Faso e c'era veramente di tutto, per un totale di 3 tonnellate. Spazzatura inutilizzabile in Italia, ma preziosa merce da vendere in Africa. Risparmiando sullo smaltimento e, anzi, guadagnandoci.

I finanzieri del II Gruppo hanno identificato i due responsabili del traffico: si tratta di un 53enne della Costa d'Avorio e di un 50enne del Ghana, che sono stati denunciati per traffico illecito di rifiuti, falso ideologico e ricettazione. Nell'anno appena trascorso, con operazioni analoghe, la Guardia di Finanza e l'Agenzia delle Dogane hanno scoperto 130 tonnellate di rifiuti pericolosi nel porto di Napoli e denunciato all'Autorità Giudiziaria 23 persone. Indagini parallele sono in corso per risalire anche all'origine dei rifiuti: è verosimile che provengano direttamente da attività commerciali.

Il traffico di rifiuto verso l'Africa

I vestiti e gli elettrodomestici danneggiati, che qui non hanno mercato, in Africa possono invece essere facilmente rivenduti. Nelle precedenti operazioni erano stati trovati anche scooter e automobili, in una occasione in un container era stato stipato persino un furgone, incastrato tra i sacchi della spazzatura. Quello che non viene recuperato, poi, viene semplicemente buttato, anche a ridosso delle baraccopoli, provocando gravi danni ambientali. Il guadagno per decide di usare l'Africa come una immensa discarica è notevole: smaltire in questo modo i rifiuti costa fino a un quinto rispetto a quanto si sarebbe dovuto spendere per liberarsene seguendo le leggi.

366 CONDIVISIONI
Container pieno di false caffettiere giocattolo nel porto di Napoli, sequestro da 100mila euro
Container pieno di false caffettiere giocattolo nel porto di Napoli, sequestro da 100mila euro
"Sul Lungomare di Napoli 2500 euro per l'ormeggio abusivo", sequestrato un km di costa a Mergellina
Nave con carico di grano arenata nel porto di Napoli, al lavoro tre rimorchiatori
Nave con carico di grano arenata nel porto di Napoli, al lavoro tre rimorchiatori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni