immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Un giovane di 30 anni è annegato in mare nella Penisola Sorrentina, probabilmente in seguito ad un malore mentre era in acqua che lo avrebbe fatto svenire. È successo oggi, 1 agosto, in uno stabilimento balneare. L'allarme è scattato quando la fidanzata non l'ha visto tornare a riva e ha chiesto aiuto; è stato trovato poco dopo appoggiato sugli scogli, ma privo di sensi; hanno tentato di rianimarlo, ma inutilmente. La tragedia è avvenuta a Vico Equense. Il ragazzo, di circa 30 anni, era andato al mare con la fidanzata, che però era rimasta sulla spiaggia.

Il giovane, stando a quanto fino ad ora ricostruito, si era allontanato a nuotare, da solo, ma dopo un po', non vedendolo più in acqua, la giovane l'aveva cercato con lo sguardo. Temendo che fosse successo qualcosa aveva avvisato gli altri bagnanti ed erano state organizzate le ricerche insieme ai bagnini del lido. Il giovane è stato individuato vicino agli scogli, ma era privo di sensi. Hanno provato a farlo rinvenire ma è stato inutile, probabilmente era già morto. Intanto sulla spiaggia sono arrivati i sanitari del 118, ma anche loro non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

In spiaggia sono arrivati anche i carabinieri per i rilievi del caso e per l'avvio delle indagini. Sull'accaduto è stata aperta una inchiesta e pare verosimile che scatti il sequestro del corpo per l'autopsia, che chiarirà definitivamente le cause del decesso. Tra le ipotesi ritenute più probabili, quella secondo cui il ragazzo si sarebbe sentito male mentre era da solo, non riuscendo più a nuotare né a chiedere aiuto, e sarebbe quindi affogato.